Referto sul Sistema Universitario

Con il presente referto la Corte dei conti riferisce sugli esiti dell’attività di controllo svolta sul sistema universitario dopo l’entrata in vigore della legge di riforma 30 dicembre 2010, n. 240(1) e fornisce un aggiornamento del referto pubblicato poco prima dell’entrata in vigore della legge di riforma(2).

Tale analisi si innesta nel novero delle indagini programmate(3) in una prospettiva orientata a fornire un panorama sempre più vasto ed aggiornato sulla gestione delle pubbliche amministrazioni.

Il referto sul sistema universitario, previsto dall’art. 5, comma 21, della legge n. 537 del 1993(4), intende offrire al Parlamento un quadro conoscitivo degli attuali profili finanziari e gestionali del sistema universitario in relazione alla raggiunta piena operatività della riforma, che vede, ad oggi, sostanzialmente completati i processi amministrativi e legislativi di attuazione.

A conclusione di un periodo di profonde innovazioni, istituzionali ed organizzative, che hanno interessato l’intero settore e del compiuto avvio, a partire dal 2015, della contabilità economico-patrimoniale e del bilancio unico delle Università, il presente referto intende, dunque, offrire un quadro complessivo degli aspetti finanziari della gestione delle Università, coinvolte anche nei generali obiettivi di razionalizzazione, contenimento e riqualificazione della spesa pubblica, privilegiando i profili di ordine finanziario e contabile anche alla luce del processo di omogeneizzazione dei conti, che va oggi a misurarsi con il più complessivo percorso di generale armonizzazione contabile.

Invero, il presente referto mira ad evidenziare gli effetti che la legge di riforma ha avuto sul sistema universitario e il rilievo, qualitativo più che quantitativo, della finanza universitaria nell’ambito della finanza pubblica, in relazione alle esigenze di coordinamento, agli andamenti complessivi e agli obiettivi programmatici fissati dal Governo e dal Parlamento, in base ad una concezione allargata di finanza pubblica.

La complessa evoluzione del sistema universitario – le cui principali tappe sono annualmente evidenziate nella Relazione annuale al Parlamento sul rendiconto generale dello Stato – ha formato oggetto di specifiche pronunce da parte delle Sezioni centrali(5) e regionali(6) della Corte dei conti nell’ambito della programmazione annuale di controllo.

In tale ottica, la presente relazione si sofferma sul grado di consolidamento dei nuovi modelli di governance del sistema universitario e sul rispetto dei principi di natura contabile tra cui, in primo luogo, lo stato di attuazione del bilancio unico e l’introduzione della contabilità economico-patrimoniale. Una particolare attenzione viene, poi, riservata all’operatività del nuovo sistema di finanziamento orientato al merito, agli equilibri di bilancio e alla promozione del diritto allo studio universitario.

L’analisi delle spese si sofferma, secondo la classificazione economica, su quelle per il personale (del quale è stata messa in luce anche la consistenza, le procedure di reclutamento e la sostenibilità finanziaria), sulle spese di funzionamento e sulle spese di investimento (in particolare di edilizia universitaria).

Sono state esaminate le spese per l’attività di ricerca e quelle per la didattica, nel cui ambito un approfondimento è stato dedicato agli interventi sull’offerta formativa nonché a quelli sull’attuazione del diritto allo studio.

 

Per leggere l’intero referto [clicca qui]


(1) Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante “Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l’efficienza del sistema universitario”.

(2) Con deliberazione delle SSRR n. 7 del 2010 “Referto sul sistema universitario”.

(3) V. Sezioni Riunite in sede di controllo del. n. 14/SSRRCO/INPR/14 e n. 18/SSRRCO/INPR/15 in tema di Programmazione dei controlli e delle analisi della Corte dei conti. L’indagine si colloca tra le analisi previste dall’art. 6, comma 1, lett. d) del Regolamento per l’organizzazione delle funzioni di controllo della Corte dei conti, adottato con deliberazione n. 14/DEL/2000 del 16 giugno 2000, che stabilisce che le Sezioni Riunite della Corte dei conti provvedono a “riferire al Parlamento … su analisi di finanza pubblica … e su ogni altra materia per la quale la legge prevede uno specifico referto della Corte al Parlamento”.

(4) Cfr. in precedenza, l’art. 7, comma 10, della legge 9 maggio 1989, n. 168.

(5) V. tra le altre, SSRR, delib. n. 13/2012; SSRR, delib. n. 9/2013/RCL; SSRR, delib. n.8/2016/RCL; SSRR, delib. n. 3/17/RCFP; Sez. contr. leg., delib. n. 9/2011/PREV; Sez. contr. gest., delib. n. 3/2012/G; Sez. contr. gest., delib. n. 19/2013/G; Sez. contr. gest., delib. n. 14/2014/G; Sez. contr. gest., delib. n. 7/2015/G; Sez. contr. gest., delib. n. 9/2015/G; Sez. contr. gest., delib. n. 6/2017/G; Sez. contr. Enti, Det. n. 123/2012; Sez. contr. Enti, Det. n. 14/2014; Sez. contr. Enti, Det.n. 49/2015; Sez. contr. Enti, Det. n. 27/2016.

(6) V. tra le altre, Sez. reg. contr. Puglia, delib. n. 50/2011/GEST; Sez. reg. contr. Puglia, delib. n. 8/2017/PAR; Sez. reg. contr. Puglia, delib. n. 77/2012/GEST; Sez. reg. contr. Puglia, delib. n. 16/2012/GEST; Sez. reg. contr. Lombardia, delib. n. 423/2011/IADC; Sez. reg. contr. Piemonte, delib. n. 25/2016/SRCPIE/VSG; Sez. reg. contr. Piemonte, delib. n. 61/2016/SRCPIE/VSG; Sez. reg. contr. Abruzzo, delib. n. 78/2015; Sez. reg. contr. Abruzzo, delib. n. 77/2015/VSG; Sez. reg. contr. Abruzzo, delib. n. 178/2016/VSG; Sez. reg. contr. Abruzzo, delib. n. 179/2016/VSG; Sez. reg. contr. Abruzzo, delib. n. 180/2016/VSG; Sez. reg. contr. Sicilia, delib. n. 274/2016/GEST; Sez. reg. contr. Emilia, delib. n. 2/2014; Sez. reg. contr. Emilia, delib. n. 32/2016/VSGO; Sez. reg. contr. Emilia, delib. n. 19/2017/VSGO; Sez. reg. contr. Emilia, delib. n. 28/2017/VSGO; Sez. reg. contr. Emilia, delib. n. 29/2017/VSGO; Sez. reg. contr. Emilia, delib. n. 44/2017/VSGO; Sez. reg. contr. Sardegna, delib. n. 2/2014/VSGO; Sez. reg. contr. Toscana, delib. n. 12/2013/VSG; Sez. reg. contr. Sardegna, delib. n. 2/2014/VSGO; Sez. reg. contr. Sardegna, delib. n. 44/2016/RSUE; Sez. reg. contr. Sardegna, delib. n. 55/2016/VSG; Sez. reg. contr. Trentino, delib. n. 16/2013/VSGF; Sez. reg. contr. Trentino, delib. n. 46/2014/PRSP; Sez. reg. contr. Liguria, delib. n. 91/2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *